06/03/14

"Pici" all'aglione per Quanti modi di fare e rifare

Questo mese l'appuntamento con Quanti modi di fare e rifare ci porta a spadellare nella cucina di Stella del blog Una stella tra i fornelli per preparare i pici all'aglione, una ricetta tipica e casalinga delle zone in cui Stella è nata e cresciuta.
Lo giuro. Volevo fare i pici. Non li ho mai fatti e questa era una buona occasione. Però poi ho pensato: ma li rifaccio uguali? Nooo!!! devo introdurre una variante. Il sugo non lo modifico perché sono curiosa. Allora modifico la pasta. La faccio con la farina di riso.

Ma la comune farina di riso bianca mi sembrava troppo semplice. Allora mi sono ricordata che in dispensa c'è una confezione di riso nero. Da li mi sono chiesta perché non trasformare quel riso in farina nera di riso per farci i pici. Mi è sembrata una grande idea. Così, la mattina, ho messo in funzione il robot ed ho macinato il riso. La sera mi sono messa a a preparare i pici. Purtroppo la farina di riso così ottenuta non da lo stesso risultato della farina di frumento. L'impasto non mi è risultato abbastanza elastico da lavorarlo come da ricetta. Così mi sono limitata a fare degli gnocchetti lisci. Che ho condito con un sughetto fedele alla ricetta.
Ingredienti per 4 persone 1 persona:
 
200 gr di farina di grano duro (oppure 100% tipo 0)
200 gr di farina 00
100 gr di farina di riso Venere
Farina di riso
1 cucchiaio cucchiaino di olio extra vergine di oliva
1 pizzico di sale
acqua q.b.


Setacciare bene la farina, e aggiungere piano piano l'acqua, io a dire il vero tutti gli impasti li metto nel mio tanto adorato Ken, e poi li finisco di impastare a mano, aggiungere tanta acqua finché la pasta risulti dura ma non troppo, aggiungendo anche un pizzichino di sale e olio.
Io l'ho fatta a mano...aggiungendo all'occorrenza della farina di riso normale.
Farla riposare coperta 30-60 minuti.
Poi stendere con il mattarello una sfoglia altra quasi un cm, e cominciare a tagliare delle strisce, che si stenderanno un po' come gli gnocchi formando dei filoncini lunghi, io mi regolo con la larghezza del mio asse di legno, essendo lungo 60 cm faccio prima un cordoncino lungo quanto l'asse, poi lo divido in 2 e stendo ancora fino ad arrivare alla lunghezza dell'asse, più sottili si fanno e meglio è, perché poi in cottura si gonfiano parecchio e in teoria non dovrebbero superare i 3 mm di spessore.
Dopo aver fatto l'impasto ho preso dei piccoli pezzi dello stesso e li ho trasformati in salsicciotti cercando di mantenere al compattezza dell'impasto. Ho tagliato i salsicciotti a piccoli pezzi.
Adagiarli in un panno di cotone utilizzando della farina di mais per non farli attaccare, cuocerli in abbondante acqua salata, per almeno 10 minuti finché non sono cotti all'assaggio.
 
Per il condimento, che si preparerà in meno di 10 minuti, far scaldare in un'ampia padella dell'olio extra vergine, sbucciare e schiacciare almeno 3-4 spicchi di aglio a persona, far insaporire l'olio con l'aglio, facendo attenzione a non bruciarlo, aggiungere del pomodoro fresco in scatola a pezzi e appena appassisce spegnere la fiamma.
Saltare i pici una volta cotti e scolati aggiungendo solo alla fine del pecorino, ovviamente se piace, altrimenti il parmigiano grattato va benissimo!
Io senza formaggio.
 
Con questa ricetta partecipo all'appuntamento di Marzo di Quanti modi di fare e rifare

36 commenti:

  1. Buongiorno carissima Paola,
    che profumino super invitante si odora varcando la porta della tua bella cucina! Non esitiamo un minuto ad accomodarci a tavola ed assaggiare, in compagnia, la meravigliosa, golosa versione dei Pici che hai preparato! Tanti complimenti per la tua bravura e creatività ai fornelli e un grazie affettuoso da Anna e Ornella che ti aspettano il prossimo mese da Carla Emilia per la Torta Pasqualina! Un abbraccio la Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Regazze!!
      Vado subito da Carla a studiare!!!
      Ad aprile!!!

      Elimina
  2. Mitica Pincola, quante te ne inventi !!!!!! Quest'idea le batte tutte, è davvero interessante. Anch'io ho una confezione di riso nero da usare al più presto . . . Mi sa che provo !!!!!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che ideuzza super elegenate te ne verrebbe fuori!!!

      Elimina
  3. I tuoi pici sono davvero molto originali!! Ohhh, finalmente fatti e rifatti ma particolari, con una marcia in più!!! Complimenti Paoletta!
    Un abbraccione (è tanto che non ci sentiamo!!) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima!!!!
      Hai ragione sul fatto che sono un pò latitante...anche dal mio stesso blog, ma cerco di rimettermi in riga!!!
      Un super abbraccio!!!!

      Elimina
  4. Il bello del quanti modi è che riesce sempre a stimolare la nostra fantasia, mitici i tuoi pici, orighinalità all'ennesima potenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero...nel tentativo di variare la ricetta sono incappata in un risultato più che accettabile!!!

      Elimina
  5. Come pici sono piuttosto originali e comunque.....senza glutine!
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...volendo continuare a chiamarli pici....

      Elimina
  6. Buoni i tuoi pici mascherati da gnocchetti. :)
    Complimenti per la sperimentazione delle farine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...oppure gnocchetti che avrebbero voluto essere dei pici....

      Elimina
  7. Come ho già detto in un altro blog... la necessità aguzza l'ingegno... ahahaha... ed ecco che anche tu, per non buttare via nulla... hai trasformato i tuoi PICI in gnocchetti ottimi! Complimenti per la prontezza di spirito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sai...in cucina nulla si distrugge ma tutto si trasforma!!!!

      Elimina
  8. Ciao Paola, non mancare all'appuntamento con la mia pasqualina, perché sono curiosissima di vedere cosa inventerai ;) E comunque questi pici-gnocchetti (picetti!?) sono proprio carini, bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mancare? Io? Ma scherzi? Stasera passo da te, mi copio tutto il copiabile ed inizio i miei preparativi...
      Un abbraccio!!!

      Elimina
  9. Ma che belli i tuoi pici - gnocchetti di riso!!!! compimenti una versione davvero originale, molto bello il cotrasto di colori!!!!

    RispondiElimina
  10. ma che bella idea usare la farina di riso ....anche tu amante del nero vedo!!!
    Splendida realizzazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..il nero in cucina è sempre particolare...

      Elimina
  11. Paola troppo divertenti e simpatici i tuoi pici!
    Perchè per noi sono pici all'aglione e...bellissimi con quel qualcosa in
    più che il fare e rifare riesce a creare!
    Bravissima, un bacio dalle 4 apine e al 6 aprile da Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma si chaimiamoli come vogliamo...
      Allora tutti da Carla!!!

      Elimina
  12. versione originalissima con le farine di riso! ...ottima sperimentazione! :)

    RispondiElimina
  13. dai i pici sono diventati gnocchetti :-D Forse facendo metà e metà con la farina saresti riuscita a stenderli chissà da provare sicuramente, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima!!!
      Spero di non aver esagerato nel rifare la tua ricetta...e probabilmente hai ragione tu sulle farine....ma quando si è testardi...
      A presto!!

      Elimina
  14. sono simpaticissimi, immagino che la farina di riso in se non sia un grande aiuto per la pasta fresca, immagino la fatica, ma l'idea è senza dubbio originalissima....chi ci avrebbe mai pensato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto tiro fuori questa farina....ma in effetti non è proprio un degno sostituto della farina di grano...

      Elimina
  15. Le farine senza glutine, compresa quella di riso, non rendono come quella di frumento manco con la pasta, han sempre bisogno di un aiuto, di un cavalier servente,
    Però il contrasto tra il sugo ed il nero degli gnocchetti è super :-D
    Brava!
    A rileggerci sempre col sorriso :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti....solo che le farine senza glutine in casa non ci sono ed ho voluto provare..

      Elimina
  16. Le tue versioni sono sempre particolari e fantasiose bravissima e grazie per le tue idee geniali !!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!!
      Una buona domenica!!!!

      Elimina
  17. bella l'idea di usare il riso venere...davvero originale! la mancanza di glutine ha reso più difficile l'azione di modellare la pasta...hai fatto benissimo a preparare dei gnocchetti! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era l'unica alternativa...
      A presto!!!

      Elimina
  18. Aaaaa.... che invidia, la farina di riso venere! Qui non se ne trova nemmeno il riso venere, figurati poi la farina! L' avevo comprato quando sono stata in Italia nel 2010 e ancora mi pento perchè non ne ho comprato di più...
    Anche se sono venuti dei gnochetti è una variante molto originale!
    Baci!

    RispondiElimina
  19. Scusa il ritardoooo!
    Anche se non erano dei pici il piatto è stato sicuramente gustosissimo! Infondo è un'altra idea creativa! Un abbraccio!

    RispondiElimina