25/04/16

Biscotti alla lavanda e glassa al limone


Ultima prova per il 56° appuntamento dell'MTChallenge proposto da Dani e Juri del blog Acqua e Menta. Mi mancava la frolla montata. Non vedevo l'ora di provare a farei biscotti con la sac a poche...mai fatti in vita mia..
E devo dire che è abbastanza faticoso se confrontato con il metodo classico. Questa volta ho tirato fuori dalla dispensa un'aroma che ho usato solo una volta in un piatto salato, la lavanda.
Associarlo ai biscotti mi sembrava particolarmente appropriato..forse perchè questo tipo di biscotto ha un'immagine di leggerezza e delicatezzza che mi rimanda ai fiori. Questi biscotti, come anche quelli precedentemente presentati, li ho fatti sia con la versione classica che con una versione vegana sostituedndo il burro con olio di riso e le uova con latte di mandorle. Devo dire che non ho notato differenze dal punto di vista estetico e nella riuscita. Certo i sapori cambiano un pò, sopratutto il burro ha un sapore che l'olio di riso non restituisce. Ma nonoostante le indicazioni fatte a posta per  me non ho indicato queste variazioni nel post giusto. Mi si riconosca che ottenere la metà del risultato con il doppio dello sforzo non è da tutti. Ed ora l'ultima ricetta.
105 g di zucchero a velo
208 g di burro a 18°-20°C
250 g di farina debole W 130/150
62,5 g di uova intere a 20-22°C (circa un uovo e un tuorlo)
2 cucchiaini colmi di fiori di lavanda secchi
zucchero a velo
1 cubetto di succo di limone congelato

Preparazione

Mescolare o montare leggermente con la frusta la materia grassa con sale e aromi. Unire lo zucchero e montare leggermente la massa. Aggiungere poco per volta le uova. Inserire in più volte le polveri (farina, cacao, lieviti…) e lavorare fino a completo assorbimento.

Da utilizzare immediatamente.
Ho inserito l'impasto in una sac a poche con la bocchetta a stella ed ho fatto dei circoli su carta forno. Ho cotto per circa 15 min a 180°. Una volta freddi li ho intinti in una glassa fatta con lo zucchero a velo sciolto con il succo di limone e ho messo ad asciugare.
 
Con questa ricetta partecipo alla sfida di Aprile, n° 56, per l'MTChallenge, proposta da Dani e Juri del blog Acqua e Menta

 

26 commenti:

  1. Devono avere una sapore ed una consistenza unica..bravissima

    RispondiElimina
  2. La frolla montata non l'ho ancora provata, ma è nella mia lista delle cose da fare e imparare al più presto. La lavanda mi piace tantissimo nei dolci, naturalmente utilizzata con parsimonia, e questi biscotti così profumati e dall'aspetto soffice incontrano perfettamente i miei gusti. Mi sarebbe piaciuto vedere anche quelli senza burro ;-)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il rischio saponetta è dietro l'angolo!!

      Elimina
  3. Ciao Paola, la mia malinconia deriva dal fatto che sei mesi fa è mancata improvvisamente la mia mamma, forse non lo hai saputo. Perciò sono così in alternaza di giorni meglio e giorni peggio ma la malinconia anche nei giorni meglio è sempre lì. Quanti di questi deliziosi biscotti dovrei mangiare per tirarmi su? Un bacione e un grande abbraccio a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non sapevo nulla...un abbraccio grande!!!

      Elimina
  4. ahahhaha il doppio dello sforzo per la metà del risultato è fantastico :-) li ho fatti qualche volta (frolla montata e sac a poche) secondo me si fa più pasticcio con la macchinetta sparabiscotti, metà dell'impasto rimane imprigionato nella pancia della suddetta macchinetta, (che poi da lavare è un gran casino) e metà ricade sul tavolo (se la si riempie troppo..plafff... traborda) cioè..succede solo a me? con la tasca.. sì si fanno casini anche con quella ..ma almeno si riesce a spremere meglio, essendo morbida, Dio..sono stanca solo a parlarne. vorrei un biscottino ora please.. ho bisogno di calorie..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-))) meno male che non ho mai comprato la spara biscotti...adesso nemmeno la guarderò più....e pensa che mi attirava tantissimo!!!

      Elimina
  5. Ahahah il rischio saponetta è dietro l'angolo, è vero, ma mi sembra una bella idea abbinare il limone che un po' stempera la lavanda!
    Complimenti per aver sperimentato sia la versione classica che quella vegana!

    RispondiElimina
  6. come già ti han detto gli altri, il rischio saponetta- ma anche cassetto della nonna- è mostruoso, specie se usi l'essenza. Coi fiori va un po' meglio e bene hai fatto ad abbinarli con il limone, che stempera il dolciastro degli eccessi. Brava per tutto- ma il doppio dello sforzo per la metà del risultato non ha prezzo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma mi salvo da un a parte e perdo dall'altra...

      Elimina
  7. adoro la lavanda e la uso spesso in cucina. Questi biscotti sono deliziosi!!! bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non la uso tanto ma è una bella variazione!!!

      Elimina
  8. Questi biscottini alla lavanda mi incuriosiscono molto, devono essere molto speciali e non vedo l'ora di provarli.
    Complimenti per le altre ricette originali del blog.
    Un caro saluto da Gabry

    RispondiElimina
  9. Grazie di essere passata dal mio blog, i tuoi biscotti sono superlativi. Ho visto che anche tu hai letto kitchen ... libro interessante e particolare come la scrittrice.
    a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si...la Yoshimoto mi piace ma Kitchen più di altri..

      Elimina
  10. Complimenti, anche questi biscotti sono golosissimi!!!!

    RispondiElimina
  11. La frolla montata mi affascina da morire, ma ancora non ho avuto il coraggio di provare a farla. I fiori di lavanda essiccati li ho e con il limone devono stare gran bene, mi sa che azzardo un tentativo nel we. Un abbraccio cara e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspetto i tuoi biscotti!!!
      Buon fine settimana!!

      Elimina