01/12/13

Empanadas de atún


Eccomi qui di nuovo all'ultimo momento utile per partecipare all'appuntamento con  Linda del blog La mia famiglia ai fornelli per  Il giro del mondo in 80 giorni. Questa volta è toccato all'Argentina ed io ho scelto le empanadas de atún. Le empanadas si fanno anche da noi, anche se la pasta non è sfoglia e hanno comunemente una forma a tortina. I ripieni anche da noi sono vari. Questa formula con il tonno invece non l'avevo mai sentita ne provata.
Così, vedendo che è una preparazione tipica e che la potevo fare con quello che avevo in casa, mi sono lanciata, facendo i debiti adattamenti. Al posto delle zucchine ci andava il peperone, al posto del concentrato di pomodoro il pomodoro fresco ed il peperoncino fresco al posto di quello sott'olio.
Forse mi è un pò scappata la mano col peperoncino, ma il risultato è stato apprezzato.
 
240 gr di tonno sott'olio
1 cipollina fresca
concentrato di pomodoro
2 zucchine
3 uova
100 gr di olive verdi snocciolate
prezzemolo
sale
pepe
peperoncino macinato sott'olio
1 confezione di pasta sfoglia congelata

Mettere le uova in un pentolino, in acqua fredda e, quando arrivano a bollore, cuocere per dieci minuti. Mettere a freddare coperte d'acqua fredda. Scongelare la sfoglia.
In una padella versare parte dell'olio del tonno e farci soffriggere, a fuoco alto, la cipollina e la zucchina affettate. Aggiungere il concentrato, il peperoncino, il prezzemolo tritato ed il tonno sbriciolato. In origine bisognerebbe scolare questo soffritto, ma io evidentemente non ho abbondato e non è stato necessario. Spegnere ed aggiungere le olive tagliate a rondelle e le uova sminuzzate. Far freddare il tutto.
Io ho tagliato la sfoglia in sei spicchi, dato che era circolare, e ne ho fatto dei fagottini dalla forma non canonica. Bisognerebbe ricavare dei dischi da chiudere a mezzaluna. Si spennellano con l'uovo sbattuto e si infornano a 200° per 10 min.


Con questa ricetta partecipo al contest Il giro del mondo in 80 giorni del blog La mia famiglia ai fornelli

16 commenti:

  1. Che belli mai visti ma sono sicura che siano ottimi bella idea per una cenetta diversa !!!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  2. E' sempre un piacere averti come compagna di viaggio! Ciao Paola, a presto :)

    RispondiElimina
  3. buonissime! eh sì, anche questa volta stessa ricetta ma con interpretazioni diverse!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se con la prossima tappa riusciamo a distinguerci....vengo da te dopo che pubblico...
      Un abbraccio!!

      Elimina
  4. uuuuuu che bella idea Paola!!!!!! sempre al passo con le iniziative tu! bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che quella che decido di seguire la rispetto...poi ne perdo tantissime altre....
      A presto!!!

      Elimina
  5. a me questa storia delle empanadas mi fa ridere.. perchè mi ricorda di un corso di cucina che regalammo a nostra madre per la festa della mamma, e lei tutta tronfia tornò a csa dicendo che era stato un corso bellissimo, aveva imparato tante cose nuoce ecc ecc..
    poi la sera cominciò a farci assaggiare i frutti del corso. empanadas e via dicendo.
    eppure a me sembravano tanto diverse dalle originali..
    la risposta di mia mamma? : eeeeh, ma si, ci ho messo meno di quello, più di quest' altro, poi ho aggiunto qui, sostituito lì.....
    alla fine non ci si capiva più nulla : ))))
    non le abbiamo mai più regalato un corso di cucina.. eheh.
    bacio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah..ah..ah...in effetti....ma questa è la storia di tutte le ricette che trovi qui...tranne che di quelle nate dalle mie pentole..li nessuno può dir nulla!!!!!
      Un abbraccio!!

      Elimina
  6. Me li segno a caratteri cubitali!!! Da provare! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...allor ami farai sapere...bella fotina nuova!!!!

      Elimina