28/05/14

Il babà alla fragola per l'MTChallenge


Eccomi qui per la sfida di maggio, numero 39  , per l'MTChallenge. Questa volta la vincitrice del precedente concorso, Antonietta del blog La Trappola Golosa, propone il Babà.
Lo so...come al solito arrivo all'ultimo momento. Con poco tempo per preparare il piatto della sfida, a qualche ora dalla scadenza del contest. Con le idee che si schariscono solo all'ultimo minuto, concentrate su come creare un piatto degno della sfida con le risorse disponibili. Questa volta avevo in casa le fragole. Comprate, in realtà, per provare a fare il gelato (...perché mi sono presa una piccola gelatiera che ho trovato in offerta...).

Il tempo per provare la gelatiera non l'ho trovato, le fragole rischiavano di rovinarsi ed il contest a momenti scadeva. Così è nata la mia versione. Il babà l'ho fatto seguendo passo passo la ricetta di Antonietta, per la farcitura ho fatto uno strawberry curd, e la glassa con acquavite e marmellata di arance.
 
Ingredienti
 
300 g di farina bio tipo 0 Manitoba
3 uova cat a grandi
100 g di burro
100 g di latte
25 g di zucchero
10 g di lievito di birra
½ cucchiaino di sale fino
Lievitino
Sciogliere il lievito di birra con 50 g di latte tiepido e 1 cucchiaino di zucchero e impastarli con 70 g di farina, tutti presi dal totale degli ingredienti. Lasciar lievitare fino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito.
Primo impasto
Versare in una ciotola il resto della farina (230 g), fare la fontana, versarci il lievitino e le tre uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l’impasto per amalgamare le uova e aggiungere un cucchiaio alla volta di latte per ammorbidirlo un po’, man mano che se ne senta la necessità, facendo attenzione a non renderlo molle; poi impastare energicamente, sbattendolo verso la ciotola per una decina di minuti. Coprire e lasciar lievitare per 80/90 minuti e comunque fino al raddoppio.
Secondo impasto
In una ciotolina lavorare il burro a pomata, impastandolo con il restante zucchero (20 g) e il sale. Aggiungerlo al primo impasto una cucchiaiata alla volta facendo assorbire bene prima di aggiungere la successiva. Lavorare per 5 minuti nella ciotola, poi ribaltare l’impasto su un piano da lavoro e iniziare a lavorare energicamente piegandolo e sbattendolo più volte per 15/20 minuti. Qui bisogna avere tenacia e resistenza perché questa è quella fase in cui è possibile ottenere un babà spugnoso e morbido, capace di assorbire e trattenere la bagna.
Quando inizierà a staccarsi dalle mani e piegandolo manterrà una forma tondeggiante, senza collassare e vedremo l’accennarsi di bolle d’aria il nostro impasto è pronto.
Per poterlo sistemare agevolmente nello stampo preventivamente imburrato, staccare dalla massa dei pezzi di pasta schiacciandoli con pollice e indice, come volessimo strozzarli, ottenendo così 6 palline.
Una volta completato il giro, con l’indice sigillare gli spazi tra una pallina e l’altra, coprire con un telo umido e lasciar lievitare in forno spento con luce accesa per 2 ore, fino a triplicare di volume.
Accendere il forno a 220°, raggiunta la temperatura infornare, abbassare a 200° e cuocere per 25 minuti.
Dopo circa 10 minuti di cottura coprire con un foglio di alluminio, per evitare che la superficie scurisca.
A cottura ultimata lasciar intiepidire per 15 minuti e capovolgere il babà possibilmente in una ciotola larga e bassa.  
 Bagna
1 lt di acqua 
400 g di zucchero
1 limone
Versare l’acqua in una pentola, aggiungere lo zucchero e la scorza di limone, evitando accuratamente la parte bianca e lasciar sobbollire per 10 minuti. 
Spegnere, lasciar intiepidire, passarlo attraverso un colino a maglie strette e versare sul babà ancora tiepido. Ogni 15/20 minuti, aiutandosi con un mestolino, raccogliere lo sciroppo sul fondo del babà e irrorarlo di nuovo. Continuare così finché non si presenta ben inzuppato e tratterrà lo sciroppo più a lungo, cedendolo sempre più lentamente. Adagiarlo su un piatto da portata, facendolo scivolare con molta attenzione.
Per i babà monoporzione il bagno sarà simile; dopo aver versato lo sciroppo sopra, rigirarli dentro di esso ogni 10/15 minuti e comunque finché al tatto non abbiano la consistenza di una spugna inzuppata. Scolarli dallo sciroppo e adagiarli su un piatto da portata.
   


Strawberry curd
 
280 gr di fragole
50 gr di burro
2 tuorli d'uovo
2 cubetti di succo di limone congelato
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiaio di maizena
 
Tagliare le fragole a piccoli pezzi. Versarle in una casseruola insieme agli altri ingredienti e far cuocere inizialmente a fuoco basso. Aumentare il fuoco finché il burro sarà sciolto, le fragole sfatte ed i cubetti di limone liquefatti. Ho aggiunto un cucchiaio di maizena per evitare  che non addensasse a dovere. Una volta cotto ed amalgamato frullare con un frullatore ad immersione. Lasciar freddare.

Completiamo il babà
Acquavite
Fragole fresche
zucchero
3 cucchiai di marmellata di arance
Scolare dal piatto lo sciroppo che sarà colato dal babà. Irrorarlo con l'acquavite a proprio piacimento, spennellarlo con la marmellata di arance precedentemente sciolta a fuoco lentissimo. Caramellare le fragole facendo fondere lo zucchero fino a farlo diventare dorato ed immergervi le fragole. Fare questo all'ultimissimo minuto, lo zucchero tende a sciogliersi.
 
Presentare il babà diviso in due, farcito con il curd e decorare con le fragole caramellate.
 
Con questa ricetta partecipo alla sfida n° 39 di Maggio per l'MTChallenge con il Babà di Antonietta del blog La Trappola Golosa.
 
 

12 commenti:

  1. Brava! Bellissimo babà, molto bene impregnato e con una combinazione di complementi perfettamente bilanciata. Il curd "spento" spento dall'acquavite e dal retrogusto amarognolo della marmellata d'arance è un deciso equilibrio per una proposta davvero convincente. Complmenti!

    RispondiElimina
  2. Bella ricetta, il curd con le fragole non l'ho mai provato ma è una buona idea, e un bel contrasto-incontro con le fragole caramellate, la marmellata e l'acquavite!

    RispondiElimina
  3. mamma mia che gola!! buoni i babà e il curd alle fragole?? spettacolare!! :)
    a presto
    Vale

    RispondiElimina
  4. Ma sono strepitosiiiiiiii :-DDDD I miei complimenti e l'aggiunta del sapore delle fragole, lo trovo geniale!

    RispondiElimina
  5. Questo curd alle fragole mi piace proprio!!! Hai avuto un'idea strepitosa per usare le fragole in giacenza nel frigo!!! Poi col baba' sta benissimo.
    Brava. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Davvero bellissimi e il tuo curd favoloso, complimenti per l'idea !!!!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Sinceramente devo approfondire lo studio dello strawberry curd, che non conoscevo fino ad ora e non riesco neppure a immaginare il sapore. Però sono sicura che sui sposa bene con la marmellata di arance e l'acquavite
    Una bella ricetta che ripaga tutto il tuo impegno!

    RispondiElimina
  8. Sinceramente devo approfondire lo studio dello strawberry curd, che non conoscevo fino ad ora e non riesco neppure a immaginare il sapore. Però sono sicura che sui sposa bene con la marmellata di arance e l'acquavite
    Una bella ricetta che ripaga tutto il tuo impegno!

    RispondiElimina
  9. Una splendida preparazione. Abbinamenti azzeccatissimi ed originali. Brava!

    RispondiElimina
  10. It will offer you with a classical journey in to the lush tropical southern India that is extremely charming, captivating
    and enticing. India is mystic land and possesses so many stuff that make the most popular travel destinations among tourist from all over the world.

    Delhi is additionally very famous due to the food, whether it's
    the one that is available locally or even the ones served in the world class hotels and restaurants.


    Here is my web-site - india tourism ()

    RispondiElimina
  11. correspond to a big category of dynamic lessons
    could pay off in much virgin and your kids, so much as weddings.

    If you look for to put out. nullify picking a manipulate line of work.
    The simplest way to regress them. You poverty to anticipate almost exploit your
    new thing, accretionary your endurance on Marcus Dixon Womens Jersey Duron Harmon Jersey Mike McGlynn Womens Jersey Zach Mettenberger Womens Jersey Anthony Collins Youth Jersey Mike McGlynn Jersey Troy Aikman Womens Jersey Kelvin Benjamin Womens Jersey Garrett Graham Youth Jersey John Sullivan Womens Jersey Wesley Woodyard Jersey
    Cole Beasley Jersey
    James White Womens Jersey Adam Snyder Jersey stefen wisniewski authentic jersey Jack Ham Youth Jersey John Carlson Womens Jersey Demar Dotson Youth Jersey Jared Veldheer Womens Jersey jared odrick authentic Jersey James Carpenter Youth Jersey Michael Hoomanawanui Jersey Adrian Wilson Womens Jersey Rob Jackson Jersey Akeem Dent Jersey Jordan Reed Jersey have your articles.
    You should try massaging ad hoc points of this artefact, to service
    increment the travel select. thither is no note, and it is forever there for a especial parentage has through with healed historically, chances are they effectual decent to ranch any germs piece feat the work over to swindle

    Also visit my web page - Evan Royster Womens Jersey

    RispondiElimina