26/11/13

Panini alle castagne

 
Scrivo al volo questo post perché solo ora mi sono resa conto della data di oggi. Prima che sia troppo tardi un'altra ricetta con le castagne, o meglio con la farina di castagne. Da poco mi è stato regalato il libro delle Sorelle Simili (...e si....ancora non lo avevo....) così ho voluto provare una ricetta. Ho scelto quella dei panini al latte ed ho pensato di usare la farina di castagne proprio per fare dei panini dolci. In realtà il risultato è stato sorprendentemente salato e buono. Ecco la mia versione, chiedo scusa alle sorelle.


Prima di tutto il poolish da lievito rinfrescato due volte:
Il poolish
20 grammi di licoli rinfrescato due volte
10 grammi di farina 0
10 grammi d’acqua
= 40 grammi
dopo circa 6 ore
40 grammi di prefermentazione
10 grammi di farina 0
10 grammi d’acqua
= 60 grammi
dopo circa 6 ore
60 grammi di prefermentazione
20 grammi di farina 0
20 grammi d’acqua
= 100 grammi
dopo circa 6 ore
100 grammi di prefermentazione
30 grammi di farina 0
30 grammi d’acqua
= 160 grammi
dopo circa 6 ore
160 grammi di prefermentazione
40 grammi di farina 0
40 grammi d’acqua
= 240 grammi
 
Primo impasto
90 acqua
90 gr di farina 0
36 gr di  poolish
Creare un'impasto e lasciarlo lievitare per 1/2 giornata.
 
Tutto il primo impasto
180 castagne
97 latte
270 farina
40 gr di strutto
10 gr di zucchero
10 gr di acqua
Riprendere il primo impasto e aggiungere  la restante farina 0, il latte e la farina di castagne, preferibilmente nella planetaria. Aggiungere anche strutto, acqua e zucchero. Formare con l'impasto morbido delle pallette a mettere a lievitare sulla leccarda coperta con carta da forno per il resto della 1/2 giornata. Cuocere a 200° per circa 1/2 ora.
 
Con questa ricetta partecipo all'appuntamento di Novembre dell'MTChallenge

26 commenti:

  1. le sorelle Simili sono un' istituzione ed io che ho i loro libri posso confermare che le loro ricette riescono sempre.
    i tuoi panini sono usciti benissimo, l' idea di utilizzare la farina di castagne come hai fatto tu è stata azzeccatissima : )
    non è facile trovare un nuovo equilibrio quando si usano farine diverse ma te a quanto pare sei riuscita nell' intento!
    bravissimissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è andata bene...ma evidentemente è stata anche fortuna al primo tentativo!!

      Elimina
  2. mi sa che per decifrare questa ricetta serve anche a me il libro delle sorelle. Quasi quasi lo compro !!!!!Sei davvero bravissima con il pane Pinko e questo con la farina di castagne dev'essere davvero squisito. Un abbraccio e sono felice che vada tutto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sono stata poco chaira..ma se ancora non hai IL LIBRO devi assolutamente acquistarlo..i panini erano davvero buoni..mi sono stupitaio per prima!!

      Elimina
  3. La farima di castagne è buonissima! Ha un gusto così intenso, particolare...immagino i tuoi panini! slurp! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la prima volta che la uso...mi ha stupito tantissimo il sapore...è stato come assaggiare un panino al salame senza salame...

      Elimina
  4. mi piace, mi piace, mi piaceeee :D sempre più brava!

    RispondiElimina
  5. perfetti! ci provo anch'io mi sa: adoro i procedimenti lunghi, mi danno soddisfazione! Le autrici originarie sono una certezza, tu fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero! Il pane, quando vien bene, da proprio soddisfazione...
      Delle sorelle ho sempre sentito parlare e solo ora riesco a mettere in pratica i loro consigli...

      Elimina
  6. Favolosi..devono avere un sapore eccezionale ^_^
    Buona serata cara e in bocca al lupo ^_^
    la zia consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero particolare ed inaspettato...
      Un abbraccio!!!!

      Elimina
  7. finalmente un modo interessante per utilizzare la farina di castagne!!! bravissima!!!

    RispondiElimina
  8. quanto mi piacciono, fantastici!!!!

    RispondiElimina
  9. Meraviglia!!!! Io ho imparato a panificare con le Simili, ma tu sei andata ben oltre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le ho sempre sentite nominare ma fino ad oggi non avevo ancoraconosciuto le loro opere....

      Elimina
  10. Ma che belli Paola complimenti anche per la spiegazione dei rinfreschi del licoli non guasta mai !!!!!
    Ma con il resto del rinfresco chissà quante altre delizie hai fatto !!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se proprio non ho tempolo impasto ad occhio con altra farina e faccio un "pane" per cena...

      Elimina
  11. Sono fantastici, perfetti!!! saranno stati buonissimi, complimenti!!!

    RispondiElimina
  12. Devo proprio comprarmi il libro delle sorelle Simili...ormai la lacuna è imperdonabile! Tu sei bravissima. questi panini hanno un aspetto fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il LIBRO è un acquisto da fare (o un regalo dafarsi fare...)

      Elimina
  13. Sai che non riuscivo a mettermi in contatto con te, perché ho fatto un caos col tuo link, ecc. Comunque ora sono arrivata! Finalmente ce l'ho fatta!
    Sei insuperabile col pane!!! Super brava Paola!
    Un grande bacione
    Annalisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente mi hai trovato...se no mi perdevo i complimenti!!!!

      Elimina