08/02/15

La minestra trovata per quanti modi di fare e rifare



Questo mese ci incontriamo nella cucina di Anjsia del blog, appunto, La cucina di Anjsia, per preparare la minestra trovata. Anche questa è una ricetta della tradizione basata  sulla stagionalità e la disponibilità che la natura offre. A quanto pare il nome deriva proprio dal fatto che si faceva con le erbe che si trovavano nei campi. Anjsia l'ha fatta con tarassaco e finocchietto selvatico. Ora, quando vivevo in paese si occupava mio padre di andare in campagna a raccogliere quello che spontaneamente cresceva e che nella tradizione veniva utilizzato in cucina.


Ora abito in città e, anche se potrei andare appena un po' fuori per campi, non lo faccio perché non conosco granché le zone e la campagna dei dintorni per me è sempre città, non riesco a convincermi che potrebbe essere salubre come un'altra campagna. Così sono andata a cercare erbe al super mercato ed ho scelto la cicoria e la bietola. Ho aggiunto anche il grasso del prosciutto (..scartato a causa della mia continua, inutile,dieta) ed al posto dei biscotti di Agerola ho usato il pane fatto da me il giorno prima, che non ho bagnato perché ancora morbido.

 

una ciotolina di erbette (bietola e cicoria) lessate in acqua salata e ben strizzate

una ciotolina di fagioli lessi (borlotti in scatola)

2 biscotti di grano duro (o integrali) di Agerola Pane fatto in casa
 
Il grasso del prosciutto

qualche cucchiaio di sugna

aglio
 
peperoncino
 
Ho lessato la cicoria e la bietola.


In una capiente padella dal fondo spesso sciogliere la sugna (volendo un piatto più leggero olio e sugna, più pesante, proprio invernale, sugna e cicoli  grasso del prosciutto) a fuoco medio, unire l'aglio e il peperoncino a pezzetti e lasciarli soffriggere lentamente, aggiungere le erbette, lasciandole insaporire dolcemente nella sugna, quindi i fagioli lessi con un po' del loro sughetto di cottura e continuare la cottura a fuoco basso coperto per circa 20 minuti. Nel frattempo bagnare leggermente i biscotti. Dopo una decina di minuti di riposo si saranno gonfiati e ammorbiditi così da poterli ridurre in grosse briciole, attenzione non devono ammollarsi troppo.  Ho spezzettato il pane. Eliminare l'aglio, unire i biscotti  il pane, salare. Ho aggiunto un po' di acqua per fare in modo che il pane se ne imbevesse.
continuare la cottura a fuoco basso coperto per almeno mezz'ora girando di tanto in tanto.
Al termine la minestra risulterà dorata e dolcemente rosolata.
 
Con questa ricetta partecipo all'appuntamento di Febbraio  di Quanti modi di fare e rifare nella cucina Anjsia del blog La cucina di Anjsia.

24 commenti:

  1. Ben ritrovata cara Paola e buona domenica!
    Come una calda coperta, questa buonissima, antica, semplice minestra, riscalda non solo il corpo ma anche l'anima!
    Io, Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziamo di cuore per la tua meravigliosa versione che arricchisce la nostra fantastica cucina aperta!
    L'appuntamento per il prossimo mese è con i maritozzi, un classico dolce romano! Vi aspettiamo numerosissimi!!
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze, ci si rivede a marzo! !

      Elimina
  2. Golosissima la tua versione, complimenti :-)

    RispondiElimina
  3. appetitosa la tua versione!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Sempre appetitosa e invitante questa minestra!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la conoscevo ma la faro certamente di nuovo! !

      Elimina
  5. Buonissima la tua minestra “trovata” alla prossima!

    RispondiElimina
  6. Buono il pane fatto in casa, e che sapore con l aggiunta del grasso del prosciutto!!! Hai reso ancora più invitante una minestra già gustosa

    RispondiElimina
  7. Anche se ci siamo arrangiate con il super il risultato è ottimo!!! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il risultato è stato apprezzato! !

      Elimina
  8. Golosa versione, mi è piaciuta l' aggiunta del grasso del prosciutto!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  9. Beh con il grasso di prosciutto ha il suo perchè. Ottima.

    RispondiElimina
  10. ciao Paola,
    abbiamo TROVATO una minestra ottima nella tua cucina!
    BRAVA e un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  11. Ma che buona la tua versione!!!! golosissima!!!! il grasso del prosciutto ci sta proprio bene, hai trovato un egregio sostituto dei cicoli!!!! prossima volta lo provo anch'io :-)
    Grazie per aver cucinato con me, ne sto imparando di cose con i QUANTI!!!
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero , è un'occasione unica! !!
      La tua ricetta poi ha subito talmente tante variazioni causa necessità che sembra di aver collezionato un ricettario di zuppe varie! !!!!

      Elimina
  12. davvero interessante questa minestra, non la conoscevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io...meno male che ci sono i quanti!!!

      Elimina